Skip to content

40 TORINO FILM FESTIVAL

IL 40 TORINO FILM FESTIVAL INAUGURA

CASA TORINO FILM FESTIVAL E APRE ALLA CITTA’

Torino, 17 novembre 2022 – È stata presentata e inaugurata oggi, a una settimana dall’inizio del Festival, CASA TORINO FILM FESTIVAL, cuore nevralgico della manifestazione.

Ospitata alla Cavallerizza Reale, Casa Festival sarà, per la prima volta nella storia del TFF, uno spazio aperto a tutti, un luogo di eventi e incontri, da oggi fino al 3 dicembre.

Casa Festival è parte di un progetto più ampio di identità visiva – fortemente voluto dal Museo Nazionale del Cinema in occasione dei 40 anni del TFF – che coinvolgerà la Città di Torino attraverso una serie di interventi sul “look” della città, uscendo dagli spazi consueti della manifestazione per vestire le piazze e le vie di Torino con vere e proprie opere d’arte, nate dal geniale tratto grafico di Ugo Nespolo che firma anche l’immagine guida.

Grazie a Università degli Studi di Torino, Compagnia di SanPaolo, Cassa Depositi e Prestiti, Paratissima, Fuori Campo, Bauhaus, gli spazi della Cavallerizza Reale sono stati allestiti per l’occasione seguendo tre direttrici differenti.

Il Cortile dell’Artiglieria è diventato Casa Festival, aperta dal mattino alla sera a tutto il pubblico, con attività di biglietteria, desk accrediti, lounge nei locali del Bauhaus, con possibilità di consumazioni food & beverage. Nel cortile sarà allestita una tensostruttura dove avranno luogo tutti i pomeriggi/sere aperitivi ed eventi musicali di intrattenimento.

La Manica del Mosca ospita gli uffici operativi, direzionali e di servizio del Festival.

E infine, il complesso della Nuova Aula Magna d’Ateneo ospiterà, dal 25 novembre, il Media Center della Festival – Sala Stampa, Sala Eventi Stampa, Videoroom, Photocall, Videocall RAI, Postazione GEDI/La Stampa, Radiocall FRED Radio – aperto a tutti i professionisti della stampa e della comunicazione.

Per dare un segnale concreto, visibile e vivibile dell’intero complesso a cittadini e turisti, anche Casa Festival sarà caratterizzata e valorizzata dalle opere e installazioni grafiche del Maestro Nespolo.

Inoltre, grazie all’importante partnership con DUC, ASCOM e EPAT, il disegno di rendere visibile il Festival all’intera cittadinanza e ai turisti, raggiungerà pieno compimento. Per l’occasione diverse categorie hanno messo a punto una serie di azioni “targate” TFF: l’allestimento di vetrine a tema, omaggi floreali, un cocktail dedicato alla manifestazione e piatti ispirati al cinema, itinerari turistici nei luoghi cinematografici della città e molto altra.

Un altro importante segnale di apertura alla Città saranno una serie di eventi diffusi, pensati per un pubblico più ampio e trasversale.

Il Museo Nazionale del Cinema con il progetto La Scuola in Prima Fila, iniziativa realizzata dal Museo nell’ambito del Piano Nazionale di Cinema e Immagini per la Scuola promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione, proporrà proiezioni, incontri e approfondimenti su VR e Metaverso – in sala e alla Mole Antonelliana – per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di I e II grado.

Il Festival apre anche al mondo delle Università italiane con una residenza per studenti universitari che realizzeranno un Podcast sull’edizione 40 del TFF. I trenta giovani selezionati per partecipare al progetto saranno ospitati dal festival.

Insieme all’Associazione Fuori Campo è stato organizzato un vasto programma di appuntamenti musicali che, oltre a Casa Festival, animeranno diversi luoghi della movida torinese.

Il Museo Nazionale del Cinema consegnerà inoltre a Malcom McDowell il premio Stella della Mole nella meravigliosa cornice dell’Aula del Tempio della Mole Antonelliana.

Il Torino Film Festival con Fondazione CRT, attribuirà alla produttrice Marina Cicogna il Premio Speciale del 40° Torino Film festival e sarà inoltre consegnato a Giampiero Leo un riconoscimento per l’importante opera di sostegno che negli anni ha riservato al TFF.

La direzione

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.