Skip to content

Ammore e malavita

Ammore e malavita è il settimo lungometraggio per il cinema diretto dai Manetti bros., registi e produttori attivi da diversi anni, con una lunga militanza nel videoclip e attivi in tv con la serie dell’Ispettore Coliandro dal 2006.

I registi romani, ammaliati dall’esperienza del precedente Song’e Napule (2013) tornano nella metropoli partenopea e rispolverano un genere caro al popolo napoletano: la sceneggiata al cinema, già vivissima negli anni Venti con la mitica Miramare film (circa 100 film all’attivo) e di nuovo in auge – dopo qualche anno di oblio – negli anni Settanta e Ottanta con i film di Mario Merola, il “re della sceneggiata” fino alle commistioni col poliziottesco, da Lacrime napulitane a Napoli… serenata calibro nove. Ma sarebbe ingeneroso ridurre Ammore e malavita a una mera rivisitazione della sceneggiata; molteplici sono le influenze che permeano il film, la cui idea nasce forse dal successo di La La Land (2016): dalla cromaticità bolliwodiana a echi del nostrano musicarello fino a citazioni esplicite sparse, dal tramacitato Agente 007- si vive solo due volte a Matrix a La parete di fango a Jackie Brown fino a Getaway. Inoltre c’è un discorso parodistico su Gomorra, non il film di Matteo Garrone (in Ammore e malavita c’è un cameo di Ciro Petrone) ma la serie che più ha influenzato e re-innescato il cinema napoletano: una delle scene iniziali è stata girata alle famigerate vele di Scampia, location ormai stravista e simbolica della serie targata Cattleya. Ma i Manetti scelgono di mettere in scanzonata parodia musicale una realtà vista sempre come topos criminale.

La storia rivede in chiave pop lo schema classico della sceneggiata essa, isso e o’malamente, e mette in scena un improbabile boss re delle cozze Mattia Pascal suo malgrado (Carlo Buccirosso, strepitoso quando canta nella bara ma meno in forma di altre volte), una sguaiata femme fatale a là Crudelia Demon (brava Claudia Gerini anche se toppa qualche accento napoletano, al cui personaggio follemente cinefilo è dedicata una “biblioteca di Kurtz” fatta di dvd del calibro di Grease, Chocolat, Notting Hill, Il diario di Bridget Jones…), un ammazzasette buono, a metà tra Rambo e un eroe marveliano (Paolo Morelli, fallen angel e attore feticcio dei Manetti) con latente rapporto omosessuale col suo gemello vendicatore (Raiz, voce degli Almamegretta), una brava guagliona (la solare Serena Rossi) che risolve la storia a là Jackie Brown e un bel gruppo di caratteristi e cantanti napoletani tra cui Antonino Iuorio avvocato latinista, Franco Ricciardi e il grande Pino Mauro. La trama è complicata dall’eroe positivo che rincontra, per ucciderla, l’amore della sua adolescenza ma…, fino a un movimentato redde rationem con sorprendente twist finale. Ognuno dei personaggi ha una parte cantata e coreografata, il film dura ben 133’ ed è un minutaggio temerario. Ma la noia non affiora, le situazioni divertenti sono funzionali alla narrazione, e bisogna riconoscere il valore di ripercorrere un cinema italiano di genere dal passato glorioso, ormai fagocitato – tranne qualche bel tentativo come la trilogia di Smetto quando voglio – da commediacce pseudosociologiche e velleità autoriali senza speranza.

Gaetano Gentile

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.