Skip to content

ANCORA UN’ESTATE

Regia : Catherine Breillat
Interpreti : Léa Drucker, Samuel Kircher, Olivier Rabourdin, Clotilde Courau
Sceneggiatura : Catherine Breillat
Durata :104 min

Theo, giovane diciassettenne di bell’aspetto, trascorre le sue vacanze estive nella ricca villa del padre ormai sposato in seconde nozze con Anne, un’affascinante avvocata di successo. Tra i due nasce subito un’intesa, ma nel momento in cui Theo confessa al padre tutto sulla sua tresca clandestina, Anne nega ogni cosa.

Ritorna dietro la macchina da presa una regista già nota per le sue provocazioni nei suoi film, risaputi per temi come la sessualità, la violenza e il conflitto tra i diversi sessi. Anche questa volta, la cineasta punta il dito sulle relazioni conflittuali come il ménage à trois, argomento già ampiamente sdoganato – soprattutto nel cinema francese, se non fosse perché utilizzato come pretesto per scavare nel torbido dell’animo umano.

Dalla trama scaturiscono tutti gli elementi negativi delle relazioni familiari nella borghesia moderna.
La mancanza del tempo trascorso insieme a causa di impegni lavorativi o sociali intensi, la pressione emotiva per mantenere un certo status sociale, ma anche l’accento sul successo materiale ci porta ad una vita familiare superficiale, contribuendo quindi alla noia e all’insoddisfazione. I protagonisti, nonostante le difficoltà, sono tutti coinvolti nel loro ambiente.
Tuttavia, l’unico elemento di fuga o ribellione lo riconosciamo nelle nuove generazioni. Con un desiderio di ricerca di autenticità e felicità personale, Theo cercherà modi alternativi per relazionarsi con le tradizioni familiari, ricerca che, nonostante gli sforzi, finirà con la delusione di una realtà non corrispondente alle speranze e desideri.

L’occhio della regista cattura immediatamente lo spettatore con un primo piano dei protagonisti principali, avvicinando l’osservatore ai personaggi in modo intimo e coinvolgente, mentre la colonna sonora accompagna solo alcune specifiche scene arricchendole di emozioni e adrenalina.

Nel complesso resta tuttavia un’opera non pienamente realizzata, con parti della trama lasciate in sospeso e personaggi non pienamente sviluppati.

Il film è stato presentato al 76° Festival di Cannes del 2023 ed è un remake di Queen of Hearts della danese May el – Toukhy.

Uscirà nelle sale italiane giovedì 7 marzo, distribuito da Teodora Film. Il trailer è sempre disponibile sul nostro canale youtube.

 

 

 

 

Miriam Dimase

1 Comment

  1. Film da vedere. Apri prospettiva interessante sui rapporti adulti adolescenti. Solo i francesi (le francesi ) sanno fare questi film.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.