Skip to content

Ci sono due sensazioni che scaturiscono spontanee quando ti alzi dopo aver visto il film “The Batman”: la prima è che il trailer precedente alla proiezione con Favino e la Leoni sia uno spettacolo miserabile e purtroppo ormai tipico di una cinematografia nazionale senza idee. Un attore sprecato in parti seduttive che non gli si addicono né fisicamente né strumentalmente, e una attrice, bella, ormai usata e strausata sempre nella stessa parte, che non sceglie altro che ruoli dimenticabili: questo è il trailer.

Poi arriva Batman, un capolavoro di scienza cinematografica, di effetti, di psicologia dark, di recitazione, di bellezza, di fascino, di dialoghi, veramente un grande film, troppo lungo, ripetitivo, bulimico, ma un grande spettacolo.

E qui sorge la seconda sensazione: ma veramente Batman è per tutti, senza censura nemmeno per i bambini fino a sei anni?

Il film è pauroso, tetro, cattivo, le scene sono scure, a volte buie, gli assassini sono maligni e crudeli, le ambientazioni sono postatomiche, non ci sono giardini, poltrone, albe, ma solo relitti, postacci, periferie pericolose, bande criminali. Come è possibile che nessuno abbia alzato un dito per segnalarlo?

La nostra censura, quella targata Franceschini, con 49 membri che intervengono solo ove servisse, non si occupa dei film delle major?

Chi ha certificato che questo bellissimo film, così violento, è destinato anche ai neonati? La risposta l’ho già data: se un produttore indipendente, nel suo film, fa vedere un seno, rischia i 14 anni, se Amadeus bacia in bocca il direttore di Rai 1 per dieci secondi va tutto bene.

Batman no, non fa sesso, sfiora appena le labbra di una straordinaria Cat Woman, ma è il prodotto, il mega prodotto di una major.

Guai a dargli fastidio!

Avv. Michele Lo Foco

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.