Skip to content

Ben Hur

Nel 1958 la Metro-Goldwyn-Mayer era sull’orlo della bancarotta e, per salvarsi, chiese al produttore Sam Zimbalist di realizzare una trasposizione cinematografica del romanzo Ben-Hur (Ben-Hur: A Tale of the Christ), scritto dall’eroe della guerra di secessione americana Lew Wallace. Questo romanzo aveva già avuto altre due versioni cinematografiche mute. Zimbalist affidò la regia del progetto a William Wyler, già regista di film come La figlia del vento (1938), Vacanze romane (1954) e Il grande paese (1959). Pur di assicurarsi Wyler come regista, Zimbalist non esitò a offrirgli un ingaggio di un milione di dollari: mai nessun regista era stato pagato così tanto.

La produzione del film fece costruire un Circo fuori Roma per girarvi le sequenze della corsa delle quadrighe, anche se in realtà le bighe erano trainate da 2 cavalli

Cinecittà era la mecca del cinema e gli effetti speciali erano:

  • 40.000 tonnellate di sabbia del Mar Mediterraneo
  • 500 tonnellate di stucco
  • 1100 metri di legname
  • 400 chilometri di tubature

 

E tanti attrici e  attori (citiamo anche Giuliano Gemma), controfigure/stuntman che rischiavano ferite vere, vedi Joe Canutt che si tagliò il mento per un salto fuori dalla quadriglia non voluto, ma poi la scena venne opportunamente montata con primi piani dei protagonisti. Ben 8 mesi di riprese.

Ora veniamo a noi.

Sono passati circa 60 anni ed il cinema americano deve riprendere i kolossal con l’epopea del mediterraneo e la storia che essa ne deriva, vedi 300, Troy, e appunto Ben Hur di prossima presentazione in America (Agosto)  e poi nel vecchio continente. Non vedremo le ricostruzioni fatte con tanta fatica, ora è tutto digitale, la magia del cinema subirà ancora l’effetto della tecnologia illudendoci dell’essere ma non è?. La storia del passato riuscirà a raccontare il presente e la supposta omosessualità che si era pensata, ma per l’epoca defenestrata, tra Giuda Ben-Hur e Messala?.

Si possono chiamare ancora  film spettacolari??? O più semplicemente videogiochi convertiti in film?.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.