Skip to content

Che fine ha fatto Bernadette?

Regia di Richard Linklater.

 con Cate Blanchett, Billy Crudup, Kristen Wiig, Laurence Fishburne, Emma Nelson.

Titolo originale: Where’d You Go Bernadette. Genere Commedia, Drammatico – USA, 2019, durata 104 minuti.

Uscita cinema giovedì 12 dicembre 2019

Essere popolari non è più di moda, e Bernardette, ex archi-star quarantenne ritiratasi a vita privata ormai da un ventennio, ne sa qualcosa.

Siamo a Seattle e in una via residenziale popolata da villette di famiglie benestanti e bramose di intessere rapporti sociali “di un certo tipo”, vive la nostra protagonista con figlia e marito. Elgie Branch ha votato la sua carriera, e in parte anche la sua vita, ai progetti di ricerca e sperimentazione Microsoft, azienda per cui lavora da circa vent’anni, da quando lui e Berbardette hanno lasciato Los Angeles per questo suo incarico a Seattle. La piccola Bee, sveglia e acuta come i genitori, ha appena formulato la sua domanda di ammissione a un prestigioso college privato. Ma in cima alla lista della ragazzina c’è organizzare un viaggio in Antartide con famiglia al seguito, desiderio al quale i genitori, e soprattutto Bernardette, non posso sottrarsi.

Sarà la prospettiva di questo viaggio, fitto di scomodità e di contatti umani obbligati a fare esplodere le nevrosi di Bernardette, conducendo la sua ansia sociale e le sue paranoie a manifestarsi in forma evidente a chi la circonda, in un’escalation di gaffe e pasticci che la coinvolgeranno in prima persona.

Odiata dalle mamme dei compagni di scuola della figlia, osservata speciale dal marito che si preoccupa ogni giorno di più del suo stato mentale e minacciata nel quotidiano dal mondo che la circonda, che sembra viaggiare su binari diversi dai suoi, Bernardette trova conforto solamente nella perfetta complicità che ha con la figlia adolescente.

La nostra protagonista però è nata per essere qualcosa di più di una madre. Per quanto questo ruolo da solo abbia una grande rilevanza. È un artista, con inciso nel Dna la necessità di creare. Ma qualcosa del suo passato la trattiene nel ritornare la brillante promessa che è stata un tempo nella sua amata California. Riuscirà nella continua e perenne fuga fisica, che poi è una fuga da se stessa, a ritrovarsi? E ritrovare l’antica luce creativa? Bisognerà seguirla in questi 100 minuti per scoprirlo.

Un film che sa far ridere e commuovere con eleganza. Pienamente godibile grazie soprattutto a Cate Blanchett che è magnifica, a Billy Crudup che le fa da spalla e a chiudere il quadretto Richard Linklater (School of Rock, Before Midnight, Boyhood), tra i registi americani più popolari.

Al cinema dal 12, questo film tratto dal best seller Where’d You Go, Bernadette di Maria Semple è sicuramente tra le sorprese più interessanti di questo 2019 ormai agli sgoccioli.

Jessica SOttile

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.