Skip to content

“C’mon c’mon”

un film di MIKE MILLS

con JOAQUIN PHOENIX     GABY HOFFMANN     WOODY NORMAN SCOOT MCNAIRY     JABOUKIE YOUNG-WHITE

C’mon c’mon è un film drammatico che vede protagonista Johnny (Joaquin Phoenix, come sempre impeccabile) nei panni di un giornalista, il cui lavoro consiste nel spostarsi di città in città degli Stati Uniti per intervistare ragazzi e ragazze preadolescenti e adolescenti e scoprire come si immaginano il futuro del mondo e il loro, e come ognuno di loro vive la propria realtà. In questa sorta di ricerca sociale sulle emozioni e la presa di coscienza dei più giovani a un certo punto si unisce anche il nipote novenne Jesse (Woody Norman), di cui Johnny dovrà prendersi cura momentaneamente a causa della malattia mentale del padre.

Saranno proprio i giovani i veri protagonisti del film, dove per una volta vengono rappresentati per i piccoli adulti quali sono, a cui mancano esperienze da un punto di vista pratico chiaramente dovuto alla giovane età, ma con una consapevolezza emotiva da fare quasi invidia al mondo dei “grandi”.
Girato interamente in bianco e nero, Mike Mills ha forse scelto di tenere in secondo piano gli affascinanti sfondi urbani americani per valorizzare la riflessione e la metabolizzazione dei sentimenti (il leitmotiv del film) senza però romperne la connessione: si parla di gentrificazione, di precarietà, di inquinamento.

Un’opera quindi molto profonda che vuole rappresentare i drammi più o meno grandi della vita quotidiana (problemi in famiglia, relazioni instabili, la difficoltà di crescere i figli) con un occhio di riguardo alle ragazze e ai ragazzi di questa generazione che, dovendo affrontare fin da subito un mondo troppo incerto, hanno forse più bisogno di essere ascoltati.

In sala dal 7 aprile 2022

Francesca De Santis

e-cinema.it

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.