Skip to content

DEDUZIONI CINEMATOGRAFICHE

Nell’esaminare i risultati Cinetel nell’ultimo week end è legittimo fare alcune considerazioni e trarne alcune deduzioni.

Fermi restando i soliti incassi milionari dei film americani, quelli in particolare della Disney, il nostro paese si affaccia alla classifica con 01 ed il suo Diabolik ed un box office veramente modesto che fa presagire un ulteriore flop della serie. Sostenuto da oltre 400 copie, del film la critica sentenzia che “ove possibile è peggio del primo”. Purtroppo gira voce che RAI Cinema abbia contribuito sostanzialmente alla realizzazione di 3 Diabolik nati dal lavoro di un ex direttore di Rai Cinema, Carlo Macchitella, dimessosi illo tempore quando regnava Leone, ma da allora lautamente finanziato, al punto da vendere la sua società così bel accreditata alla Beta tedesca. Niente di nuovo, tutto come prevede la regola franceschiniana che quando si hanno buoni e consolidati rapporti con RAI, lo straniero è alle porte e spesso entra.

Ma tornando al film, evidentemente Diabolik ai giovani non dice niente, il commissario Ginko con il parrucchino non entusiasma, la Bellucci ormai anzianotta non incanta più nessuno.

Ottimo invece il risultato di “La stranezza” che qualcosa suggerisce: Ficarra e Picone scuderia Mediaset divertono, Servillo ritrova un personaggio adatto alle sue corde, Andò di solito ignorato dal pubblico dirige un film storico che invece di annoiare, crea interesse in un pubblico maturo che cerca prodotti fatti bene. Morale: se c’è una buona sceneggiatura, attori scelti con intelligenza, una regia decorosa, anche un argomento di non facile presa come Pirandello può attirare il pubblico che non è un insieme di cialtroni ignoranti, ma (e questo è bene spiegarlo ai burocrati del nostro sistema), la somma di tanti clienti interessati ad un accrescimento culturale anche sotto forma di intrattenimento.

Se film come Dante, il Colibrì, la Stranezza sono l’inizio di una rinnovata attenzione al nostro cinema, lo dobbiamo esclusivamente al fatto che sono prodotti fatti bene, girati con esperienza, seri, corposi, affidabili, e non figli del tax credit, o di qualche camarilla strutturale, o di qualche imbroglio finanziario.

Lo dobbiamo al fatto che il film è l’oggetto della scelta: non serve spingere il pubblico come si spingono le pecore nel recinto, perché lo spettatore va da solo a pagare il biglietto. Certo non lo fa (o aspetta di vedere il film in televisione) se il prodotto è palesemente una presa in giro motivata da ragioni che non hanno nulla a che fare con un cinema di buon livello.

Avv. Michele Lo Foco

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.