Skip to content

Escobar

Tanto si è parlato, scritto e rappresentato del personaggio Pablo Emilio Escobar Gaviria: il Robin Hood, potente, intenso e ipnotizzante.

Il personaggio di Escobar è riferito tramite gli occhi di Nick (Hutcherson) un giovane surfer in vacanza che si innamora di Maria (Claudia Traisac). Tutto sembra andare per il meglio fino al momento in cui Maria gli presenta suo zio: il noto criminale narcotrafficante colombiano, Il diavolo Escobar ha il volto duro del premio Oscar Benicio Del Toro.

Il cattivo che si sente L’Onnipotente, lui che può tutto, decidere della vita e della morte di tante persone ed a lui credono come un semi-dio; il benefattore che aiuta i poveri, ma con le sue leggi….terribili, paurose, raccapriccianti.

escobar_3

Ogni volta che entra in gioco con una condotta senza scrupoli, Escobar è uno tsunami che cresce in maniera devastante, come solo un entità superiore potrebbe fare, e tutto ciò viene rappresentato da una frase del suo delfino: ”nessuno può sfuggire a Escobar”.

Dio, soldi e famiglia sono il suo credo.

escobar_2

Benicio Del Toro interpreta il personaggio in maniera imponente, come pochi attori hanno fatto in altri film, facendo avvertire la sua presenza anche quando non è sullo schermo.

Riuscire ad interpretare il personaggio così tremendo e malvagio cercando di mostrando anche il lato umano, non è da tutti.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.