Skip to content

Fazeide

Dal momento che Fiorello e Mughini, ed altri, si sono premurati di rimproverare il Governo e la Rai per aver consentito il trasferimento di Fazio alla Nove, mi domando come mai, quando Fazio atterrò in Rai pagato con una cifra iperbolica, nessuno protestò vivacemente, salvo lo scrivente che presentò un esposto alla Procura della Repubblica.

Premesso che Fazio, con la sua faccia di “fratacchione”, come giustamente lo ha definito De Luca, aveva appena ricevuto quale “transazione” una piccola cifra, 28 miliardi, per una causa intentata alle “Sette” che aveva interrotto un suo fallimentare programma, e premesso che il titolo “Che tempo che fa” derivava dal fatto che egli si era impegnato a non fare concorrenza e pertanto avrebbe dovuto trattare argomenti diversi, non vi è dubbio che, complice il governo di sinistra, Fazio ha infranto il muro del suono dei corrispettivi, diventando uno degli uomini più liquidi Italia. Ma oltre a questo scandaloso comportamento, in una Italia nella quale l’amministratore delegato Rai guadagna 240.000 € l’anno e Fazio al mese, quello che è ora di sottolineare, è che non può più essere tollerata la televisione degli ospiti.

Fazio non è un giornalista, è un intrattenitore di ospiti, come tanti altri nelle reti nazionali, che pagando tanto o poco, sbaciucchiandoli o lodandoli, glorificandoli o esponendoli al ludibrio, vivono di coloro che vengono ricevuti nel loro salotto. Un salotto è politico, un altro è mondano, un altro è sociologico, un altro è tribunalizio, un altro è economico, ma sempre di ospiti si tratta.

C’è una forma psicoanalitica di transfer tra un fratacchione come Fazio e i suoi invitati, lui è l’intellettuale che o si presta o condivide, che scompare nel tessuto delle domande, che recita il ruolo del brutto e insignificante di fronte ai mirabolanti e importanti e affascinanti ospiti, ma lui è quello che dietro le quinte incassa.

Chiunque, lo dimostra la nostra televisione, può avere qualcuno da invitare pagando, ed è così semplice che lo fanno anche donne che a malapena parlano l’italiano.

Alcune sembrano maitresse d’altri tempi, pronte a fluidificare l’ambiente, a simpatizzare, altre sembrano inflessibili giudici, che notano tutto e sono pronte a condannare, altre ancora sono flessuose e sinuose egoistelle che degli ospiti se ne fottono, e che usano il dito come un telecomando appena l’ospite parla troppo.

Ma il giornalismo vero in televisione dove sta di casa? È stato fagocitato dal leccaculismo e dalla prostrazione, è stato abolito dai politici o dalla corruzione? Quel sapere che sa di cultura e di metabolizzazione dei fenomeni, e che porta a spiegare, a rivelare, a costruire, e che non è un documentario sulla Ferragni prodotto da Rai e portato a Venezia, quel sapere di chi sa, ha capito, ha studiato e ci parla, dov’è?

Fazio è l’emblema della sinistra, ipocrita a spese dei cittadini: ed è inutile che i follower del presentatore sostengano che con lui la Rai ci guadagnava, perché premesso che non è vero, e che i suoi programmi, peraltro lunghissimi, con ospiti a lauto pagamento ottenevano di media un dieci per cento scarso di share, l’azienda di Stato, quella che compie un servizio ai cittadini, così come non può pagare i dirigenti è bene che non strapaghi i suoi interpreti, perché di loro si può fare a meno, mentre di  una pensione decorosa no.

Non vedremo Fazio… non sarà un dramma per nessuno, nemmeno per lui.

Avv. Michele Lo Foco

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.