Skip to content

Filmmaker International Film Festival

Al via il prossimo 1° Dicembre l’edizione 2017 di Filmmaker International Film Festival, in programma fino al 10 /12 a Milano
presso lo Spazio Oberdan, l’Arcobaleno Film Center e Casa del Pane.
Nove le sezioni in cui si articola il programma di quest’anno: Concorso Internazionale Prospettive, Fuori Concorso, Sogni e incubi, Rivoluzioni, Omaggio a Francesco Ballo, FilmmakerModerns,
Fuori Formato, e Prospettiva Griffi, cui si aggiungono i film di Apertura e Chiusura, per un totale di 103 film, di cui 21 in anteprima assoluta e 20 in anteprima italiana.
Film di Apertura: l’apertura del festival, venerdì 1 dicembre (ore 21, Arcobaleno Film Center) e sarà affidata all’anteprima nazionale di L’Atelier, il nuovo film di Laurent Cantet.
Film di chiusura: rinnovando la tradizione la chiusura verrà affidata al film di autore italiano, il festival quest’anno sceglie “Nato a Casal di Principe” di Bruno Oliviero.
Concorsi internazionale: propone quest’anno 11 film senza distinzioni di formato, genere o durata, firmati da giovani autori quanto da nomi di primo piano del panorama cinematografico internazionale.
Fuori Concorso: otto le proposte di questa edizione.
Concorse Prospettive: più di tracciare coordinate, prova a mappare in 15 titoli ciò che si agita nel panorama indipendente italiano.
Prospettive Fuori Concorso: tre le proposte fuori concorso della sezione Prospettive; “L’ultima popstar” di Claudio Mazza, “La convocazione” di Enrico Maisto e “DE l’autre cotè des montagnes” di Fatima Bianchi.
Prospettiva Griffi: la retrospettiva di Filmmaker 2017 sarà dedicata ad Alberto Griffi
Omaggio ad Alain Cavalier-Six Portraits xl: tra gli ospiti di questa edizione, un posto d’onore spetta a un autentico maestro del cinema francese, Alain Cavlier.
Luoghi del Festival
Spazio Oberdan, V.le Vittorio Veneto 2
Arcobaleno Film Center, V.le Tunisia 11
Casa del Pane ex casello daziario di Porta Venezia, C.so Venezia 63

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.