Skip to content

I NOSTRI IERI

Regista: Andrea Papini

Durata: 117 minuti

Genere : Drammatico

Attori: Denise Tantucci, Peppino Mazzotta, Francesco Di Leva, Teresa Saponangelo Daphne Scoccia, Maria Roveran, Elia Schilton, Domenico Gennaro, Francesco Calogero, Thierry Toscan, Denis Campitelli, Vladimir Doda, Francesca Mazza, Prince Obi, Marta Pizzigallo.

Uscita: giovedì 9 febbraio 2023

In un carcere in cui si organizzano attività di recupero,  lavora Luca:  un regista che  sta tenendo un corso di cinema.

Al ristretto gruppo di detenuti che lo seguono, il regista  decide di proporre, non senza qualche resistenza, un tema particolare: la ricostruzione del reato commesso.

Luca comincia, lasciando la sorte a decidere, da Beppe, un camionista che ha ucciso una giovane donna.

Il tema centrale del film è l’ascolto.

Il regista che ascolta i carcerati e le loro storie attraverso il cinema, le immagini che possono anche rompere le barriere carcerarie portando il fuori, filmato, dentro e dietro le sbarre.

L’ascolto che però il protagonista rivolge forse poco alla propria figlia, che sta andando lontano per motivi di studio. Ascolto che invece pretende energeticamente dalla sorella della vittima, in cui si imbatte per caso. Il tutto  avviene grazie alla potenza del cinema. Nei pregi del film stanno anche alcuni difetti: la figlia è un personaggio stereotipato,  così pure la sorella della vittima, (l’incontro con  la quale sembra proprio un pretesto cinematografico) con cui il regista dialoga con battute molto spesso finte o estremamente prevedibili.

I personaggi  buoni sono proprio  buoni, mentre i cattivi per definizione sono i detenuti, che  tuttavia il lavoro sul cinema sembra redimere. Una maggior penetrazione in questi ultimi avrebbe forse dato al film uno scontro empatico che manca. La sceneggiatura è, a mio parere, la parte debole del film, che vale comunque una visione.

Il cinema ancora una volta (abbiamo appena visto opere folgoranti) protagonista di una storia, questa volta di recupero personale. Presentato alla XX edizione di Alice nelle città, sezione Panorama  Italia-concorso.

Il film arriverà nei cinema italiani il 9 febbraio 2023, distribuito da  ATOMO FILM

Serena Pasinetti

 

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.