Skip to content

Il Labirinto del Silenzio

Ma si poteva chiamare anche il labirinto dell’Olocausto,

Un Anarchico (Thomas Gnielka), un giovane pubblico ministero (Alexander Fehling) bastano , in questo film, a denunciare gli orrori perpetrati dalla Germania nazista a dispetto di un intero Paese, che non nasconde nemmeno le origini naziste dopo la fine della seconda guerra mondiale. Tanto che un vecchio soldato nazista, (di stanza ad Aushwitz) sta tranquillamente insegnando in una scuola elementare, come se niente fosse, reintegrato insieme a tutti gli altri, normalmente nei loro precedenti lavori È qui che il giovane magistrato, fresco delle illusioni di resurrezione della Germania e convinto che del nazismo si sapesse già quasi tutto, inizia ad infilarsi nel ….Labirinto del Silenzio. Si sarebbe potuto fare il film sul processo o di una vittima dell’Olocausto, ma invece si affronta il tema dei crimini di guerra nazisti che molti non avrebbero più voluto parlarne o addirittura nascondere i lager come semplici campi di lavoro. Per i Tedeschi di allora era normale, non entrare nel merito di quello che fecero, facendo finta di non conoscere, ma tutti sapevano di quella immane tragedia.L’omertà non è sconosciuta al popolo tedesco, gli americani hanno battuto il nemico nazista, quello che è stato è stato, allora si doveva combattere il nuovo nemico il comunismo senza più entrare nel contenuto di quello che era accaduto. Era il momento di dimenticare, sembrava inutile processare quello che nessuno voleva, lasciando liberi di continuare la loro vita a persone come Josef Mengele e tutti gli altri, senza dare dignità alle vittime di quell’immensa strage.I poteri forti, gli interessi economici ,oggi come allora, avrebbero potuto tutto… ma a volte non basta, la verità e la caparbietà possono vincere. In questa pellicola emerge che non erano solo i gerarchi gli unici responsabili …. Ma tutto il popolo, lo stesso che non lo ha mai nascosto e ha creduto che erano nel giusto, perciò che bisogno c’era di giudicarli.Il lungometraggio è una ricostruzione storica accurata e fedele, e il merito del regista è proprio quello di non scivolare negli eccessi disentimentalismo.

Un prodotto che a mio avviso bisognerebbe lasciarlo con la lingua originale … sono sufficienti i sottotitoli rende meglio, diffonderlo nelle scuole …… per non dimenticare.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.