Skip to content

Intervista a Helena Geraci

Helena Geraci è un’attrice catanese che da oltre 5 anni vive a Los Angeles dove lavora nel cinema e teatro. Qualche anno fa ha inoltre fondato una community per artisti chiamata LA Creative Circle, attraverso cui organizza eventi e workshops sul settore dell’ entertainment in California, con la collaborazione di grandi professionisti nel campo del cinema.

L’abbiamo intervistata per conoscere meglio il settore della settima arte da chi lo vive in prima persona, per di più oltreoceano, dandoci l’opportunità di comprendere i suoi meccanismi e differenze con l’Italia.

Helena, raccontaci intanto qualcosa di te e com’è stato il tuo percorso formativo e professionale finora.

Recito da quando avevo vent’anni, soprattutto nel mondo del teatro indipendente. Il mio percorso professionale però mi ha portato per circa 15 anni da tutt’altra parte: come spesso accade le prospettive di lavorare nel mondo artistico spaventano, soprattutto la famiglia, che infatti mi ha suggerito di seguire un percorso più tradizionale portandomi a conseguire una laurea in comunicazione internazionale e marketing. L’università e le opportunità di lavoro successive mi hanno dato l’opportunità di viaggiare molto sia in Italia che in Europa, nonché di portarmi proprio qui in California. Una volta trasferitami a Los Angeles sono entrata in contatto con molti artisti e questo ha riacceso in me la passione per il mondo dello spettacolo. Ho deciso così di seguire diversi corsi di recitazione e non solo qui a Los Angeles: corsi di lingua, di dizione, di improvvisazione ma anche di fitness. Dal primo corso concluso nel 2020 ho rimesso piede sul palcoscenico e ho capito che non avrei più dovuto abbandonare questo sogno.

Quali sono le esperienze che più ti sono piaciute e che ti hanno più colpito?

Ho recitato in alcuni cortometraggi con produzioni indipendenti e sono riuscita a fare molto teatro, un’esperienza ricchissima perché amo il rapporto diretto con il pubblico ma ovviamente sono rimasta anche molto colpita dagli imponenti studi della Warner Bros quando ho partecipato alla realizzazione di Joker 2. Ho svolto dei lavori di voice over e continuo tuttora, specialmente nel settore dell’animazione esperienza anch’essa formativa – oltre che molto divertente – soprattutto perché qui usa molto ricrearsi lo studio a casa (il tanto ambito lavoro da remoto è una realtà), il che dà la possibilità di conoscere meglio anche l’aspetto tecnico di questo settore e davvero non si finisce mai di imparare! Non sono mancati poi i ruoli in diverse pubblicità, anche queste interessanti soprattutto ora che sono legate ai nuovi sistemi di intelligenza artificiale.

A proposito di intelligenza artificiale, alla luce dello sciopero di Hollywood di quest’estate e in base alla tua esperienza, cosa ne pensi? Può essere uno strumento utile o rappresenta più una minaccia?

Personalmente per quanto riguarda il suo uso nel cinema, mi spaventa parecchio. Ho visto come viene usata specialmente nella rappresentazione di scene corali nei film dove viene sfruttata l’immagine degli attori più volte così da non chiamare le comparse per esempio, quindi in questo senso la vedo come una minaccia. Credo che sia un ottimo strumento complementare, specialmente per quanto riguarda l’animazione e i videogame, ma non deve in nessun modo sostituire la presenza fisica degli attori. 

Per quanto riguarda invece più in generale il lavoro nel mondo dello spettacolo, che differenze trovi fra Italia e Stati Uniti? 

Negli Stati Uniti si respira pienamente la cultura dell’intrattenimento ed esiste un forte spirito di collaborazione e meritocrazia. Anche l’aspetto formativo è diverso rispetto all’Italia, qui l’approccio è più completo, riguarda il mondo dello spettacolo a 360° e permette di muoversi in questo ambito anche senza avere particolari conoscenze. Non credo che sarei riuscita a fare le stesse esperienze in Italia, anche perché qui l’offerta è molto più ampia, c’è tantissima scelta. Sicuramente esistono ancora grossi limiti anche da queste parti, soprattutto per quanto riguarda i ruoli che vengono affidati soprattutto per via dell’aspetto fisico o dell’accento, come nel mio caso, ma ho imparato a renderlo una mia particolare caratteristica, una nota distintiva. 

Nel futuro cosa ti aspetti? Stai lavorando a qualche progetto in particolare?

Sicuramente mi piacerebbe addentrarmi nel mondo della produzione sfruttando le competenze acquisite come Project Manager. Adesso sto lavorando a un film proprio di produzione italiana, girato tra Sicilia e Stati Uniti, un thriller psicologico di regia di Giuseppe di Biasi – Hethol Productions, al momento in post-produzione. Più avanti parteciperò anche ad alcuni festival.

Dal set del film Killer Card

Perfetto. Concluderemmo allora con una domanda un po’ più “pop”: Con quali attori ti piacerebbe lavorare e quali registi preferisci?

Sicuramente con Dan Levy, diventato famoso con la serie Schitt’s Creek, perché essendo anche scrittore lo considero più profondo e con una spiccata sensibilità ed empatia. Per quanto riguarda i registi invece io apprezzo molto tutti quelli che affrontano storie drammatiche o in qualche modo scomode, difficili da raccontare. Per esempio Noah Baumbach con il suo “Storia di un matrimonio”.

Ecco alcuni link dove scoprire qualcosa di più su Helena:

Sito Web: https://www.helenageraci.com/portfolio

Pagina IMDB: imdb.me/helenageraci

Facebook: https://www.facebook.com/helena.geraci

Instagram: https://www.instagram.com/helenofsicily

https://www.instagram.com/la_creativecircle/

Reel cinematografico e film precedenti: https://linktr.ee/helenofsicily

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.