Skip to content

JAWBONE

Director: Thomas Napper; writer: Johnny Harris; cinematography: Tat Radcliffe; editing: David Charap; music: Paul Weller; production design: Nick Palmer; producers: Michael Elliott, Johnny Harris; production companies: Emu Films, Marlin Films, Revolution Films; running time: 91’.

Cast: Johnny Harris, Ray Winstone, Michael Smiley, Ian McShane, Luke J.I. Smith, Anna Wilson-Hall.

Ex campione giovanile di boxe, Jimmy McCabe (Johnny Harris) cerca fortuna sempre nei posti sbagliati. Quando tocca il fondo, decide di tornare nel club di pugilato della sua giovinezza e alla sola famiglia che gli resta: il proprietario della palestra Bill (Ray Winstone) , l’allenatore Eddie (Michael Smiley) e il promoter Joe (Ian McShane). Jimmy riprende gli allenamenti e, dopo anni di lontananza dall’agonismo, mette a rischio la sua vita per rialzare la testa e riprendersi un posto nel mondo.

Day 20_Lee Cogswell_IMG_0082.jpg

A former youth boxing champion, Jimmy McCabe (Johnny Harris) is a man in search of hope but looking in all the wrong places. When he hits rock bottom he turns to his childhood boxing club and the only family he has left: gym owner Bill (Ray Winstone), cornerman Eddie (Michael Smiley) and promoter Joe (Ian McShane). Back in training, years after anyone thought he was a contender, he will risk his life to stand tall and to regain his place in the world.

Per Thomas Napper Jawbone rappresenta l’esordio alla regia di un lungometraggio. Nel 2018, il film è stato candidato a 7 premi BIFA e a un premio BAFTA. Lo scorso anno, Thomas ha diretto un episodio della serie BBC World On Fire (con Lesley Manville, Helen Hunt, Sean Bean). In passato aveva diretto il premiato documentario Lost Angels: Skid Row Is My Home (2010). Inoltre era stato regista della seconda unità per film come Aladdin (2019, Guy Ritchie), Il ritorno di Mary Poppins (2018, Rob Marshall), L’ora più buia (2017, Joe Wright) e La bella e la bestia (2017, Bill Condon).

IRISH FILM FESTA

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.