Skip to content

JUJUTSU KAISEN 0 – THE MOVIE

Tratto dal manga più venduto degli ultimi due anni con 150 milioni di euro incassati, il film dello studio MAPPA (L’Attacco dei Giganti)

Sbarca a sorpresa nelle sale italiane l’anime tratto dal manga più venduto degli ultimi due anni, JUJUTSU KAISEN 0 – THE MOVIE, un film mastodontico che solo in Giappone è riuscito ad incassare oltre 100 milioni di dollari.

Prodotto dallo studio di animazione MAPPA, lo stesso di serie amatissime come L’Attacco dei Giganti, JUJUTSU KAISEN 0 – THE MOVIE arriva nelle sale per una settimana evento dal prossimo 9 giugno nell’ambito della Stagione degli Anime al Cinema, distribuita da Nexo Digital e Dynit.

Un fuori programma esclusivo pensato per soddisfare la richiesta dei fan che per una settimana potranno finalmente festeggiare nelle sale italiane uno dei 50 film con i più alti incassi di sempre in Giappone.

Protagonista del film è Yuta Okkotsu che, da bambino, ha perso la sua migliore amica, Rika, uccisa in un incidente d’auto davanti ai suoi occhi. I due si erano promessi amore eterno così, dopo l’incidente, Rika è diventato uno spirito vendicativo, mentre Yuta ha iniziato a desiderare la morte, dopo essere caduto vittima della sua maledizione. È in questo momento della storia che fa la sua comparsa lo stregone Satoru Gojo, che accoglie Yuta all’istituto di arti occulte. Qui, Yuta fa la conoscenza di Maki Zen’in, Toge Inumaki e Panda, compagni di classe che lo aiuteranno a trovare la giusta determinazione per ritrovare fiducia in se stesso e spezzare la maledizione di Rika. Un giorno, però, il malvagio stregone nero Suguru Geto, espulso dall’istituto per aver massacrato dei civili senza poteri, fa la sua comparsa di fronte a Yuta e ai suoi nuovi amici. Deciso a creare un paradiso solo per gli stregoni, Geto scatena a Shinjuku e a Kyoto un migliaio di maledizioni per sterminare i senza poteri. Riuscirà Yuta a fermarlo? E riuscirà a spezzare per sempre la maledizione di Rika?

La Direzione

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.