Skip to content

La capacità di non saper far nulla

E così la Ferragni, dopo aver ricordato che esiste la Shoa, condurrà S. Remo.
È la consacrazione massima di una caratteristica nazionale: il non sapere fare nulla.
Incredibile come la comunicazione si sia mangiata in un boccone la professionalità: serve solo essere protagonisti mediatici, magari nudi con due ciliegine sui capezzoli, come ci ha regalato ultimamente la Ferragni; basta esserci sui giornali.
Terribile è anche l’annuncio fatto da Amadeus, che sembra abbia scelto un premio Nobel per accompagnarlo nella nobile missione che oltretutto lo rende multimilionario: è riuscito nel difficile compito, dopo attento studio, dopo molti tentativi, a convincere la signorina “non so fare nulla” ad accettare un corrispettivo spaventoso per essere puramente e solamente presente sul palco, nemmeno nuda, solo con qualche spacco e qualche ammiccamento.
L’anno scorso Amadeus ha fatto di tutto per farsi accompagnare da volti noti pescando di qua e di là senza vergogna, e con un’altra presenza ormai costante, quella della Hunziker, con i suoi brutti piedi ed il suo perenne sorriso da pubblicità dentale.
Altro trionfo della pulsione sessuale portata a livello familiare.
Ma lo spettacolo è veramente ridotto a tutto questo? Il servizio pubblico ha veramente bisogno della Ferragni? Eravamo un paese basato sulla cultura, ma non quella che crea noia e imbarazzo, quella capace di creare interesse e non stupida imitazione: avevamo intellettuali, giornalisti, registi, attori, benne donne piene di talento.
Oggi serve solo ed esclusivamente il potere dell’immagine orientata sessualmente, seni, lato b, gambe e piedi.
In Liguria si è svolta una festa in onore della Canalis: ma cos’è uno scherzo? Quali meriti, se non quello di farsi immaginare in un letto, ha la Signora Canalis? E come lei, quali meriti hanno le donne dello spettacolo, ora, in Italia, in questo devastante panorama di carenza idrica e culturale?
Per uno che ama le donne, come me, il tripudio della femmina incapace è comunque troppo.
Certamente, dopo aver avuto un Presidente del Consiglio venuto dal nulla, tutto è possibile, ma i risultati dell’abbandono della professionalità sono evidenti a tutti, e non solo al cinema e alla televisione, un po’ ovunque.
Ci meravigliamo della carenza idrica, ma sprechiamo il 50% delle nostre risorse per il degrado delle tubature, la benzina aumenta, ma non abbiamo più raffinerie, la spazzatura ci ricopre, ma non abbiamo né spazzini né attrezzature, il gas scarseggia, ma abbiamo messo il nostro destino in mano ai russi, chissà perché, chissà perché.
Quella che non diminuisce ma continua ad aumentare è la corruzione, dal basso all’alto, che è compagna del potere degli incapaci.
Un tempo i corrotti erano almeno in grado di creare qualcosa, oggi no, prendono i soldi e scappano, per tornare ai film e al nostro povero spettacolo, che ha una nuova regina, la Ferragni!

Avv. Michele Lo Foco

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.