Skip to content

LIMES-SMILE

I RAGAZZI DI CINQUE ISTITUTI SUPERIORI RACCONTANO LE LORO ESPERIENZE: INCLUSIONE RIUSCITA E NON, LIBERTÀ, INCONTRO CON “L’ALTRO”

 Verrà presentato alla Festa del Cinema di Roma (17 – 27 ottobre), all’interno della sezione autonoma Alice nella città Limes – Smile, il cortometraggio di Ylenia Politano, realizzato grazie ai fondi del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Ministro dei Beni e le Attività Culturali e del Turismo nell’ambito del progetto “A4- Visioni Fuori-Luogo- Cinema per la Scuola”.

Un film che ha come temi principali l’inclusione, la diversità, l’immigrazione, la libertà, mostrando allo spettatore che, nonostante tutto, possiamo imparare tanto l’uno dall’altro.

C’è la storia di Precious, una ragazza nigeriana sopravvissuta ad un lungo viaggio verso l’Italia per costruirsi un futuro migliore; Mattia, invece, è un giovane studente costretto sulla sedia a rotelle che sogna di diventare ingegnere e trovare un posto di lavoro; Carlo è un ragazzo di 18 anni con un ritardo mentale, linguistico e motorio che riesce comunque a comunicare bene anche senza troppe parole; William, infine, è uno studente con un carattere forte ed irascibile ma che tiene molto all’amicizia e che farebbe qualsiasi cosa per i suoi compagni di scuola.

Il film è il risultato di un lungo confronto tra gli studenti (circa 100 in totale), di varie classi di cinque istituti superiori italiani, quali: I.I.S. Gaetano De Sanctis(Roma), Liceo Statale Alfano I (Salerno), Liceo Scientifico E. Fermi(Cosenza), I.I.S. L. Sinisgalli (Senise, Potenza), Liceo Scientifico e Linguistico A. Vallone (Galatina, Lecce).

Un progetto nato dall’idea dei professori Andrea Piersanti e Mariarosaria Lattari dell’I.I.S. Gaetano De Sanctis di Roma, che hanno fortemente voluto un confronto tra ragazzi su tematiche fondamentali come la libertà, l’inclusione, la mediazione, l’esperienza e la società in generale – proprio come recita il sottotitolo del film. Si tratta di quattro storie diverse tra loro per modalità, geografia e sviluppo, tutte accumunate dalla consapevolezza e dal desiderio di incontro con “l’altro” da sé, anche nei casi di inclusione non ancora riuscita.

L’inclusione delle differenze è il tema di vita scolastica che, ancora oggi, movimenta di più il mondo della scuola. La conformazione che le classi presentano rispecchia la complessità sociale odierna e, rispetto al passato, rende certamente indispensabile il riconoscimento della diversità come valore e delle differenze come risorsa. 

I ragazzi, alla loro primissima esperienza, si sono confrontati direttamente con la troupe di formatori e creativi della produzione ControluceAlessio Di Clemente, poi, li ha accompagnati nell’esperienza sul set, facendoli lavorare su improvvisazione e regole dell’acting, affidandoli poi alla regia di Ylenia Politano, sperimentando insieme le tecniche del documentario e del mockumentary.

Licia Gargiulo

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.