Skip to content

MIA – terza giornata

Alla conferenza di questo pomeriggio al MIA Market “Is the future free? How will new free models reshape VOD in Europe si è parlato di come sia cambiato il mondo dell’audiovisivo con l’avvento dello streaming. Ma non è stata un’occasione di critica, anzi, è stata una parentesi ottimistica da parte di chi sta provando a cogliere un’opportunità di fronte a questo nuovo cambiamento.
Manuel Alouy di France Télévision, Simone Emmelius della rete tedesca ZDF, Cristina Sala di Samsung TV e Antonella Dominici di Pluto TV si sono confrontate in un dibattito sulle nuove possibili collaborazioni fra reti televisive standard statali e piattaforme digitali, convenendo su come questa nuova frontiera di fruizione dell’intrattenimento possa portare dei vantaggi anche a chi, come le reti televisive stesse, sta riscontrando una perdita di audience, specialmente per quanto riguarda la fascia tra i 30 e i 50 anni di età.

Non senza preoccupazioni, certo, la competizione è tanta e ampia ma anche la varietà e la dimensione dell’offerta possono rivelarsi utili, soprattutto nella misura in cui si decide di lasciare ampio spazio a produzioni nazionali.

Proprio per questo l’Unione Europea continuerà a stanziare dei fondi destinati proprio al settore cinematografico, rimanendo nell’ottica di un mercato comune in grado di rivolgersi a più Stati, in una prospettiva di continuo scambio culturale che è peculiare dell’Unione Europea stessa.

La nostra speranza in questa parentesi è che nessuno si dimentichi o lasci indietro tutti quei piccoli produttori e distributori indipendenti che, pur rimanendo nell’ombra, contribuiscono per primi a valorizzare i mercati nazionali.

Francesca De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.