Skip to content

Midway

Regia di Roland Emmerich.

Un film con Ed Skrein, Patrick Wilson, Woody Harrelson, Luke Evans, Mandy Moore, Luke Kleintank.

Due ore e diciotto minuti intensi, per raccontare “nuovamente” la mitica battaglia avvenuta nel dicembre 1941 a Pearl Harbor e finita nell’atollo di Midway.

L’obbiettivo finale è farlo diventare un war movie epico!

Più simile ad un video gioco, con effetti speciali a gogò, dove chiaramente è smaccato l’eroismo e l’audacia delle forze armate americane (anche se inferiori) allo strapotere giapponese.

Inoltre si strizza l’occhiolino alla Cina, succube dell’Impero del Sollevante: sarà per gli interessi economici attuali???.

Ennesimo film di propaganda, a mio avviso oramai anacronistico, forse anche in risposta a blockbuster orientali, dove si punta esageratamente al solito lietmotiv, amore, famiglia e abnegazione per la patria.

Niente a che vedere con “La battaglia di Midway” dove annoveriamo attori del calibro di: Charlton Heston, Henry Fonda, Glenn Ford e del mitico Toshiro Mifune, o del melenso “Pearl Harbor” del 2001 realizzato da Michael Bay con Ben Affleck, Josh Artnett e Kate Beckinsale.

Direi che questa si è capita!

Brus Gandin

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.