Skip to content

MINDEMIC (Opera zero)

Regia: Giovanni Basso
Durata: 85 min.
Genere: Drammatico

Mindemic è il primo lungometraggio di Giovanni Basso, interamente girato in 4K con un iPhone8+ in uscita in sala dal 15 giugno.

Il film vede come protagonista Nino (Giorgio Colangeli), un regista al termine della sua carriera, prolifera ma abbastanza marginale, che vive da solo, costretto a casa da circostanze esterne (sottintesa la pandemia) e a cui mancano stimoli e motivazioni nuovi e per questo vive molto di ricordi, soprattutto da quando la moglie di cui è ancora innamorato l’ha lasciato.


Un giorno riceve una chiamata dal suo produttore e gli viene chiesto di scrivere una sceneggiatura in tre giorni. Inizialmente perplesso decide di accettare e di scrivere un film epico di guerra su tre soldati che devono decidere se salvare la vita di una donna.  Da quel momento iniziano una serie di vicissitudini surreali, frutto dei deliri nella mente di Nino che, abbandonato anche dai suo ex collaboratori, vive in prima persona le vicende di cui scrive, interpretandone i vari personaggi.

È un film sul processo creativo, sulla follia e sulle conseguenze che l’isolamento sia fisico che sociale può avere nella mente delle persone, tema sicuramente più riconosciuto ora che tutti hanno avuto modo di sperimentarlo in forme più o meno grandi negli ultimi due anni.

Ottima l’interpretazione di Giorgio Colangeli, protagonista indiscusso del film che riesce a coinvolgere lo spettatore, divertendolo e destabilizzandolo.

Francesca De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.