Skip to content

Mostra del cinema di Venezia 80: una mostra specchio del nostro tempo

La Mostra del cinema di Venezia 80 si è conclusa con un verdetto pienamente condivisibile.

Il Leone d’Oro a Poor Things di Yorgos Lanthimos e il premio alla miglior sceneggiatura a El Conde di Pablo Larrain sono premi a film  che raccontano da una parte una favola femminista di ricostruzione di una realtà e dall’altra la metafora vampiresca e grottesca di un dittatore, Pinochet.

Venezia80: Leone d'oro a Yorgos Lanthimos per "Poor Things". Matteo Garrone  miglior regista. Coppa Volpi Peter Sarsgaard e Cailee Spaeny | AgenSIR

Il presente narrato/non narrato. Tra  le tematiche attuali, il tema della migrazione è stato quello che ha visto la seconda premiazione importante: i film di Matteo Garrone e Agnieszka Holland e qui i due hanno osato, alla grande, mettere in scena e denunciare il problema, anche se da angolature diverse.

Registe e registi hanno avuto forse il timore ad affrontare direttamente l’incertezza del nostro tempo e hanno preferito usare favole, metafore e forme grottesche.

Lo stesso Polanski ha presentato  un film demenziale, che sembra preferire il trash,  forse per l’incapacità di fotografare l’oggi.

Biopic interessanti di Ferrari e di Berstein e la storia di Lubo; un po’ meno quello di Priscilla, con una coppa Volpi alla protagonista Cailee Spaeny non totalmente condivisibile.

Un altro filone, forse immeritatamente non premiato, ha presentato  storie di grande rilievo: narrazioni di rapporti personali come la Bête (anche questo calato in una realtà distopica) di Bertrand Bonello,

La bête: recensione del film di Bertrand Bonello con Léa Seydoux

racconti di relazioni molto profonde che scavano il dentro come il film di Guillame  Canet o storie di abusi familiari come Memory di Michel Franco, il cui protagonista maschile Peter Sarsgaard ha giustamente vinto la coppa Volpi.

Se si nota poi quanti film non hanno sceneggiature  originali, si ha la riconferma di come sia difficile raccontare l’oggi.

Credo di poter affermare che il cinema italiano sia stato eccessivamente presente alla  Mostra con ben sei film in Concorso e, ad eccezione del film di Garrone e quello di Diritti, che dimostri ancora una volta un’incapacità a raccontare storie di attualità, al di là di quelle di emarginazione o di borghesia corrotta e senza valori .

La vera sorpresa è invece venuta dalla sezione Orizzonti, dove l’attualità l’ha fatta da padrona.

Per fare solo due esempi: il  film dell’ungherese  Gàbor Reisz  Explanation for Everything (titolo internazionale) che ha meritatamente vinto il premio come miglior film, con una analisi accurata della situazione politica del suo paese e Tatami, splendido specchio di un Iran fondamentalista.

Sperando che molti film di questa sezione escano, saremo pronti a segnalarvi i più interessanti.

Una Mostra molto potente, in ogni caso con un notevole aumento di pubblico. Il cinema ancora una volta specchio del nostro tempo, anche quando è difficile trovare i contenuti da narrare.

Per finire complimenti a Chazelle e alla giuria che ha saputo cogliere nei film il nostro tragico tempo.

Serena Pasinetti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.