Skip to content

PRIMADONNA

PRIMADONNA

Di Marta Savina

Genere: drammatico
Durata: 100’
Uscita: 8 marzo 2023

In arrivo nelle sale dall’8 marzo, Primadonna è un film di Marta Savina sul primo rifiuto al matrimonio riparatore.

Siamo alla fine degli anni Sessanta, in Sicilia. Lia (Claudia Gusmano) ha 21 anni, va a lavorare la terra con il padre (Fabrizio Ferracane), anche se lei è “femmina” e dovrebbe stare a casa a prendersi cura delle faccende domestiche con la madre. Lia è bella, caparbia e riservata, ma sa il fatto suo. Il suo sguardo fiero e sfuggente attira le attenzioni del giovane Lorenzo Musicò, figlio del boss del paese. Quando lo rifiuta, l’ira di Lorenzo non tarda a scatenarsi e il ragazzo si prende con la forza quello che reputa di sua proprietà. Ma Lia fa ciò che nessuno si aspetterebbe mai: rifiuta il matrimonio riparatore e trascina Lorenzo, e i suoi complici, in tribunale.

Tratto da una storia realmente accaduta nel 1965 che ha portato alla cancellazione del matrimonio riparatore (vent’anni dopo), il film di Marta Savina risulta ancora incredibilmente attuale, forse perché non si parla di un passato così remoto, forse perché è una parentesi della storia italiana che non abbiamo mai davvero riconosciuto ma di cui soffriamo il retaggio ancora oggi. Attraverso la vicenda di Lia infatti è impossibile non vedere quello che accade ad ogni vittima di stupro o di femminicidio: davanti all’evidenza, prima di riconoscere il colpevole viene lasciato il beneficio del dubbio sul perché è successo, che cos’ha fatto la vittima per provocare il suo carnefice. Questo accade perché, come dice la madre di Lia nel bel mezzo del processo: “È mortificante perché a parlare sono solo loro”.


Qui la vera svolta sta però nell’inversione di rotta della storia, lontana anche dai canoni a cui siamo abituati della narrazione di quegli anni. In una Sicilia ben lontana dall’immaginario collettivo fatto di cieli limpidi, soleggiati e mare azzurro ma al contrario grigia, fredda e nell’entroterra campagnolo Lia non è sola, è supportata da una stretta cerchia di “reietti” della società – dalla famiglia che la ama e vuole proteggerla nonostante le ripercussioni dei mafiosi, dalla prostituta del paese e dall’avvocato escluso dalla politica e dalla comunità per non essersi mai sposato. La forza che li unisce si basa su un unico grande principio: l’autoaffermazione di sé senza badare ai giudizi degli altri.

Primadonna è un inno al coraggio: il coraggio di restare, il coraggio di parlare, il coraggio di portare avanti una battaglia, il coraggio di non nascondersi. È una cronaca attenta e curata anche quando lascia spazio al non detto, dove vediamo ad esempio il rapporto platonico di Lia e Lorenzo esclusivamente attraverso il gioco di sguardi, accompagnato per altro da una splendida colonna sonora e da una fotografia estremamente attenta ai dettagli e agli oggetti che non sono mai inquadrati per caso.

Un film necessario, quindi, questo primo lungometraggio di Marta Savina che ha già vinto il Concorso Panorama Italia ad Alice nella città, prodotto da Capri Entertainment, Medset Film, in associazione con Tenderstories e in collaborazione con Rai Cinema, Vision DistributionSky.

Francesca De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.