Skip to content

Sanremo 3

Concludo l’esame su SanRemo, iniziato con una nota ambientale e poi con un esame legale, con una considerazione tecnica, che ho lasciato per ultima in quanto la tecnica canora è l’ultima qualità di cui si è occupato Amadeus.

Resta il dato conclusivo che il festival inteso come il regno di un presentatore lasciato libero di folleggiare talvolta guidato da un partito talvolta da un agente, alla ricerca di un successo sempre maggiore è una formula sbagliata, velleitaria e privatistica che nulla ha a che fare con il servizio pubblico.

Se poi anche il dirigente Rai delegato non ha alcuna idea di cosa sia il servizio pubblico, allora non dobbiamo meravigliarci se la famiglia Ferragni diventi maestra di moralità. D’altra parte Rai cinema aveva già inneggiato alla Ferragni dedicandole un documentario che resterà testimonianza di come si sprecano i soldi dei contribuenti.

Componente artistica:

la scarsa qualità dei brani in gara, in alcuni casi interpretati dà artisti di collaudato valore come Giorgia, Elodie, Oxa, in altri da sedicenti cantanti dai nomi improbabili e irripetibili, capaci di parlare, bofonchiare, recitare, in altri da cariatidi come i “cugini di campagna” con strumenti giocattolo, o da signore una volta ragazzine ora milf scatenate in performance pornosoft, dimostra come Amadeus direttore artistico sia il principale colpevole del risultato deprimente e dannoso del festival.

Elodie

Amadeus ha agito, forse sotto la spinta del suo agente segreto Lucio Presta o dell’ineffabile Coletta, da direttore marketing, andando a pescare con il lanternino, come si dice, tutti i personaggi/prodotto che potevano accontentare i consumatori/target, mescolandoli senza pudore e senza la minima attenzione alla qualità artistica che dovrebbe essere lo scopo del programma/servizio pubblico.

Componente extragara:

La Ferragni è una imprenditrice come lo sono Guido Barilla e la Mercegaglia. Non balla, non canta, non recita, è solo nuda, e nuda è meglio di altri imprenditori. Ma la Ferragni è una esperta di social network ed è riuscita in brevissimo tempo a moltiplicare da 0 a 1milionesettecentomila i followers di Amadeus, più quelli di Morandi, e siccome i followers sono monetizzabili, facendo un enorme favore anche a Zuckeberg grazie alla RAI, i suddetti signori guadagneranno cifre folli che si sono procurati nell’indifferenza dei vertici. In definitiva questo festival è stato un vero affare!

Avv. Michele Lo Foco

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.