Skip to content

Sei ancora qui – I Still see You

Thriller sovrannaturale del 2018 diretto da Scott Speer, tratto dal romanzo di Daniel Waters “Break My Heart 1,000 Times”. 

Cast: Bella Thorne, Dermot Mulroney, Richard Harmon, Louis Herthum, Hugh Dillon.

L’incidente ha ucciso i nostri cari ma una parte di loro è rimasta. Li chiamiamo i redivivi. Questa frase, estrapolata dal film, dà l’idea di quanto sia interessante il filone horror sci-fi che strizza l’occhio alla oramai mitica saga di “Twilight” (questa volta non ci sono vampiri, ma entità che assomigliano ad ectoplasmi che appaiono e vengono visti solo per pochi secondi) da parte di un pubblico prevalentemente giovane.

Le aziende che distribuiscono questi prodotti l’hanno capita e cavalcano questo trend.

Protagonisti tutti teenager (coetanei del potenziale pubblico), con una delle più promettenti e popolari attrici della Hollywood di oggi, Bella Thorne.

Il sovrannaturale abbinato al thriller, con l’aggiunta di essere tratto dal romanzo di Daniel Waters Break My Heart 1,000 Times” e una colonna sonora del compositore vincitore agli Emmy Bear McCreary, farà sicuramente di questo film un prodotto di successo e d’incassi.

La trama si basa sull’esperimento top secret finito in maniera tragica e catastrofica uccidendo, dieci anni prima, il padre della protagonista insieme a milioni di altri abitanti del nord degli Stati Uniti. 

Quando un redivivo cercherà di uccidere la sopravvissuta, finisce il il concetto escatologico di oltretomba e inizierà la suspence.

Al cinema dal 27 settembre

Giovanni De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.