Skip to content

Shores

SHORES

Genere: Drammatico

Produzione: Be Bangerang Studio

Starring: William Angiuli Marco Battaglia Ivan Brusa Naomi Sabrina Dacca Silvia Gorla Ilaria Guglielmetti

Regia: Simone Chiesa

Sceneggiatura: Simone Chiesa e Nicola Cantoni

Costume Design: Silvia Barda

Fotografia: Davide Cazzulani

Effetti Speciali e VFX: Laura Barda

Musiche: Armando Marchetti e Andrea Fedeli

Montaggio e Post-Produzione: Simone Chiesa

Un ottimo esercizio sulla vita dei cosiddetti millennials (generazione Y), i quali vivono con le bende sugli occhi e non vedono la vita reale, surrogati dal social esasperato e padrone delle ore della loro giornata.

Così descrive il promettente regista Simone Chiesa (con un ottimo curriculum alle spalle e diverse esperienze nelle maggiori reti televisive nazionali) un tema attuale e drammaticamente vero, così vero da sembrare onirico, una summa di storie pregne di drammaticità.
La vita di molte persone è cadenzata dal cellulare che conta le visualizzazioni e  like, alla ricerca  “drogata” di persone senza conoscerle veramente, un vero paradosso.

8
L’eccellente fotografia (Davide Cazzulani) si ferma su alcuni significativi oggetti, come l’orecchino in stile “Campanellino” o il Crocefisso, come punti estremi delle nostre icone che oramai non sappiamo neanche riconoscere.
Il rimprovero del regista si concentra sulla meschinità che i personaggi si sottomettono, per apparire nella società surreale, fino a esserne dipendenti come i tossicomani.
E solo un bagno purificatore , quasi ancestrale, li può purificare… molto mistico ma significativo.

4
Affrontare questa tematica oggigiorno è diventata imprescindibile, per cercare di frenare questa deriva che, sembra, nessuno voglia arginare.
Ottima la colonna sonora del duo Armando Marchetti/Andrea Fedeli.

 

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.