Skip to content

SMILE

Il genere horror sta vivendo una nuova primavera. Se dopo il successo di film iconici come “The Ring” e “Saw” l’interesse del nuovo secolo per il genere aveva conosciuto un progressivo smorzamento, da ormai cinque anni è chiara una nuova rinascita. Che siano esperimenti d’autore in cui è mescolato al dramma (come le eccellenti prove di Ari Aster, Jordan Peele e Robert Eggers) o l’ultimo successo di Guadagnino alla Mostra del Cinema di Venezia “Bone and All”, è chiaro ormai che l’horror si afferma sempre più come un campo in cui sperimentare con grande libertà. Ciò produce risultati interessanti, ed è il caso del nuovo lungometraggio scritto e diretto da Parker Finn “Smile”. Distribuito da Eagle Pictures, la pellicola ha sì un’impostazione molto classica ma si distingue per un uso originale della macchina da presa (ad esempio nelle numerose scene sottosopra), per la una sceneggiatura nient’affatto scontata che prova a dare un certo spessore ai personaggi e alla storia narrata e per l’ottima fotografia, cupa e avvolgente.

Una giovane psicologa, la dottoressa Rose Cotter (Sosie Bacon), assiste a un episodio traumatico quando una ragazza dall’aria sconvolta appena accompagnata nel centro in cui lei lavora compie un atto estremo proprio di fronte ai suoi occhi. Dopo questo episodio Rose sente di essere perseguitata da strani e spaventosi fenomeni. Scopriamo presto che alcuni fantasmi del passato sono affiorati alla sua memoria in seguito al recente trauma.

Allucinazioni, visioni, incubi perseguitano la protagonista facendole compiere gesti sempre più strani e preoccupanti. Nessuno tuttavia sembra volere supportare questa donna in difficoltà, né il fidanzato, né tantomeno la sorella, la terapeuta o il suo responsabile. Così la donna si sentirà progressivamente abbandonata e costretta ad affrontare da sola l’oscura presenza. L’ex fidanzato agente di polizia è l’unica figura disposta a crederle e aiutarla e le darà il giusto slancio per non soccombere agli eventi ma provare prima a capire cosa succede e poi a lottare. Rose sarà costretta a confrontarsi con il suo passato per sopravvivere e sfuggire a questa agghiacciante realtà.

Sosie Bacon stars in  “SMILE.”

La vera arma del film è un alto grado di pathos che fin dalle prime scene costruisce i presupposti essenziali per tenerci incollati allo schermo, non con una certa dose di ansia anche per i più avvezzi al genere. Sì perché sebbene sia un film che ha tutti i cliché tipici dell’horror, riesce comunque a elevarli e a infondere un certo grado di freschezza e novità. È capace di essere, a suo modo, un film magnetico. Le performance attoriali del cast sono molto buone, le atmosfere sufficientemente spaventose e tutto sembra essere studiato al punto giusto, anche nel finale niente è lasciato al caso (cosa piuttosto rara in film di questo genere).

Sosie Bacon and Kyle Gallner star in  “SMILE.”

Insomma un horror appetitoso, come non se ne vedevano da un po’, che ci farà venire voglia di goderci l’atmosfera di halloween sin da ora, dato che arriva nelle sale il 29 settembre, a ridosso della stagione autunnale.

Jessica Sottile

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.