Skip to content

THE WARRIOR – The Iron Claw di Sean Durkin

Genere: Drammatico, Biopic
Durata: 132′
Cast: Zac Efron, Jeremy Allen White, Harris Dickinson, Maura Tierney, Stanley Simons

La storia della famiglia Von Erich che ha lasciato un segno indelebile nel wrestling professionistico degli anni Ottanta, ottenendo tanti successi quanti dolori. Una carriera sportiva iniziata dal padre Fritz Von Erich e tramandata, un po’ per passione, un po’ per obbligo, di figlio in figlio, così da creare una vera e propria squadra di wrestler forte e unita dall’amore fraterno. Ma come in tante altre grandi famiglie di sportivi, dietro all’apparenza si celano le ombre fatte di ricerca costante dell’amore paterno e della sua approvazione, delle invidie come inevitabile conseguenza della competizione che, sommate ai dolori mentali e fisici dello sport professionistico, portano purtroppo a un susseguirsi di tragedie.

Nella ralizzazione di The Warrior, Sean Durkin aveva in mano tutto il potenziale per crare un bel film: una storia poco conosciuta (se non dagli appassionati di wrestling) e interessantissima dal punto di vista sia del genere biopic sportivo, che da quello delle dinamiche famigliari, un cast eccezionale e un’ingente produzione propria del cinema statunitense. Ma il risultato ottenuto è deludente.
Nelle due ore (abbondanti) di pellicola non si riesce mai ad empatizzare veramente con i protagonisti a cui non viene dato lo spessore che meritano, banalizzando così una storia che aveva tutti i requisiti per smuovere emozioni e sentimenti così come fece, ai tempi, Clint Eastwood in Million Dollar Baby (seppur trattando di un altro tipo di sport e di tematica, chiaramente). Sarebbe successo se, invece di perdersi in lunghe riprese di scene famigliari bucoliche, fossero state approfondite le relazioni malsane instaurate come conseguenza inevitabile della presenza, ingombrante, di un padre patriarca ossessionato dallo sport che ama. Se si fosse soffermato più sui lati oscuri di uno sport tutto incentrato sullo spettacolo, che non si prende troppo cura dei ritmi frenetici e delle prove di resistenza fisiche di chi lo pratica. Tutti “Se” che, uniti a dei dialoghi piatti e a un montaggio approssimativo fanno di The Warrior un’occasione davvero sprecata per una storia promettente.

Degna di nota resta comunque l’interpretazione di Zac Efron, così come le scene di lotta sul ring.

 

 

 

 

 

 

The Warrior sarà distribuito nelle sale da Eagle Pictures a partire da giovedì 1 febbraio, sul nostro canale youtube è disponibile il trailer in italiano.

 

 

 

 

Francesca De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.