Skip to content

THIS MUCH I KNOW TO BE TRUE

 THIS MUCH I KNOW TO BE TRUE 
Regia: Andrew Dominik  
In sala: 23-24-25 Maggio 2022 

 A sei anni di distanza da One more time with feeling Andrew Dominik torna a girare 

un meraviglioso documentario su Nick Cave. Questa volta lo fa raccontando il 
rapporto d’amicizia con Warren Ellis, il musicista con cui collabora da circa 
trent’anni, attraverso le voci dei due artisti ma soprattutto attraverso le canzoni stesse 
che hanno scritto negli ultimi due album (Ghosteen Carnage). Un lavoro che ci 
permette di entrare a pieno nel loro processo creativo, scoprendone la meticolosità e 
la profondità dettate dai loro caratteri.
 
E infatti nel documentario ci viene mostrato come Nick Cave curi la sua rubrica The
Red Hand Files, lo scambio di mail che tiene da qualche anno con i fan, in cui parla 
di musica ma anche di filosofia cercando di rispondere ad alcune domande 
esistenziali, e il suo laboratorio di ceramiche in cui sta producendo una serie di 
sculture che rappresentano le più diverse esperienze di crescita che affrontiamo nella 
nostra vita ma con protagonista il diavolo. 
Attraverso i dialoghi di Cave ed Ellis, all’intervento anche dell’amica e collaboratrice 
Marianne Faithfullci viene quindi offerta l’occasione di osservare l’umanità che si 
cela dietro a questi grandi artisti, un’umanità che si riflette nella potenza delle loro 
opere, rese grandiose in questo documentario anche grazie a una fotografia 
spettacolare e un light design impeccabile. 
This much I know to be truepresentato alla Berlinale di quest’anno è distribuito da 
Nexo Digital con i media partner Radio Capital e MyMovies e lo troverete nelle sale 
solo per tre giorni. Non perdetevelo.
Francesca De Santis

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

autobiography - il ragazzo e il generale

Al cinema dal 4 Aprile

Rakib, un giovane ragazzo indonesiano, diventa assistente di Purna, ex generale del regime in pensione. Quando Purna inizia una campagna elettorale per essere eletto sindaco, Rakib si lega all’uomo, diventato per lui mentore e figura paterna. Un giorno, però, un manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato: un gesto che avrà conseguenze inimmaginabili per entrambi.
Con un ritratto intimo di due generazioni che vivono sotto lo stesso tetto, il regista Makbul Mubarak ripercorre un doloroso periodo storico della sua nazione con un thriller intenso, che presenta forti risonanze con la contemporaneità ed una forte universalità del tema della lealtà e della vicinanza al potere.

i film per non dimenticare

27 Gennaio 2024

In occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) ci sembra opportuno segnalarvi una selezione di film nel nostro catalogo che sono stati fondamentali nel racconto di ciò che è successo durante gli anni della dittatura nazista: dai film di propaganda ai documentari, dalle prime opere realizzate nella Germania Est al cinema hollywoodiano, per conoscere il ruolo fondamentale della settima arte nella storia, nonché importante strumento di conoscenza. 

Nelle sezione “Guerra” sul nostro sito potrete quindi trovare capolavori come “I figli di Hitler”, un’aspra critica del regista Edward Dmytryk sull’educazione hitleriana, al vincitore del Festival di Locarno “Rotation” e il film perduto della propaganda nazista “Das Ghetto”.

Le muse impenitenti

L’associazione e compagnia teatrale le Muse Impenitenti, Marinetta Martucci e Arianna Villamaina, due attrici potentine, tornano a calcare il palcoscenico con una nuova esilarante ed originalissima commedia: Come lo zucchero per il caffè – ‘‘O Teatro è ‘o paese d’ ’o vero. Una commedia divertente e con performance di danza fuori le righe, che ci trasporta in un musical vero e proprio per poi allietare il pubblico con una sorpresa golosa. Lo spettacolo è un contenitore di arte a tutti gli effetti ed è un inno alle mille sfaccettature che in essa sopravvivono.